La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi
La townhouse di Joseph Karam a Parigi

 

Progettata dal designer franco-libanese Joseph Karam.

Com’era l’appartamento prima della ristrutturazione? 
«La casa originale fu realizzata all’inizio del secolo scorso per un artista: l’interior era un mix di stili francesi – da nord a sud. Al fine di preservare la sua storia con restauri leggeri, ho aggiunto tre piani ma con una struttura completamente diversa. Il calcestruzzo è scomparso ed è stato sostituito con metallo e vetro. Visivamente la struttura è subito più leggera, e integra maggiormente esterno e interno».

Qual è la dimensione dell’appartamento e qual è stato il brief per il restyling?
«La casa è di circa 550 metri quadri ed è composta da 7 piani. 2 seminterrati, un piano terra e 4 piani. In origine, la casa a due piani apparteneva a uno scultore. Volevo mantenere il suo aspetto antico in cemento verniciato bianco e sollevare tre piani con un’architettura metallica nera, dove il cemento non sarebbe stato visibile da nessuna parte. Ciò ha creato un contrasto materico e stilistico, che era l’obiettivo iniziale del progetto – mantenendo l’anima dell’artista dei vecchi tempi».

Qual è la parte più importante della progettazione?
«La soddisfazione nel vedere dal vivo ciò che è stato disegnato su carta e sviluppato su uno schermo. Un’architettura progettata su misura, modificata e rimodificata alla ricerca della perfezione – se esiste davvero».

Come è avvenuta la scelta dei pezzi di arredo?
«La maggior parte dei mobili sono stati progettati dall’agenzia Joseph Karam come parte della «Collezione POP». Ogni elemento è generalmente studiato in relazione alla sua funzione pratica ed è adattato poi al singolo cliente. Alcuni pezzi includono le ruote, elemento ricorrente. Spostare un letto di 2 metri di larghezza per cambiare le lenzuola è molto più facile con le ruote che con le gambe fisse. Lo stesso vale un tavolo. Spetta a me renderlo esteticamente piacevole e integrarlo nel design».

Quanto di te c’è all’interno di questa casa?
«Il cliente e il designer sono partner, perché il loro obiettivo è lo stesso: realizzare un progetto armonico dal punto di vista strutturale, estetico, funzionale e che sia confortevole. Conoscenza, esperienza e professionalità del designer entrano necessariamente nella dimora che disegna».

The post Parigi, una townhouse su più livelli dall’anima artistica appeared first on AD Italia.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.