Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art
Officine Chigiotti – Capalbio Contemporary Art

Un dialogo tra antico e moderno anima le storiche sale di Palazzo Collacchioni, edificio simbolo di Capalbio, borgo tra i più rinomati della Maremma Toscana, nonché gioiello dell’Argentario. Il progetto «Capalbio Contemporary Art», a cura di Davide Sarchioni, torna con la mostra intitolata “Officine Chigiotti”, che dal 2 agosto al 30 settembre espone una selezione di opere di Flavio Favelli, Mauro Staccioli e Antonio Barbieri.

Si tratta di installazioni non convenzionali per materiali e dimensioni, che sfidano e modellano lo spazio con un linguaggio sfrondato da sovrastrutture che guarda all’essenziale. Come quello di Mauro Staccioli (1937-2018) e delle sue imponenti sculture in corten, che giocano con la tensione “concreta” della materia attraverso geometrie minimaliste dal sapore primordiale (cerchi, triangoli, ellissi, archi) che rendono epica – e mai inerte – la sua scultura. Celebri, nella sua Volterra, le opere ambientali sospese tra le colline e il cielo installate per la mostra diffusa “Luoghi d’esperienza“, dieci delle quali sono rimaste in situ: sculture geometriche (di dimensioni ciclopiche) che si fondono con il paesaggio e le architetture etrusche e medievali della Val di Cecina. Grazie alla collaborazione con l’Archivio Mauro Staccioli, in mostra si potrà ammirare un docufilm interamente dedicato a quell’indimenticabile rassegna, tenutasi nell’estate del 2009.

Capalbio Flavio Favelli (Firenze, 1967) presenta Service, l’insegna realizzata in occasione del primo progetto di Officine Chigiotti nel 2017 a Grosseto, oltre a lavori creati ad hoc per Palazzo Collacchioni e a un’inedita pittura murale sulle pareti esterne dell’Associazione culturale Il Frantoio.

Del giovane artista Antonio Barbieri (Rho, 1985),  che vive e lavora a Grosseto e ha tenuto le prime mostre proprio a Capalbio, saranno esposte alcune sculture tra cui l’opera Lichene del 2019, acquisita da Giuseppe Chigiotti per essere collocata in maniera permanente nel nuovo polo espositivo del Palazzo agli Arcieri a Grosseto.

Capalbio Contemporary Art” anticipa l’inaugurazione – prevista per ottobre 2020 – di Palazzo agli Arcieri a Grosseto, il nuovo edificio contemporaneo, tecnologico e ad alta sostenibilità energetica progettato da Giuseppe Chigiotti. In autunno vi sarà presentato un progetto di Antonio Barbieri con la curatela di Davide Sarchioni. Qui troverà casa anche l’opera Prismoidi (2003) di Mauro Staccioli, installazione  composta da 11 elementi in ferro zincato.

Con questa inziativa l’Associazione Culturale il Frantoio e Officine Chigiotti proseguono il loro percorso sul legame tra il territorio della Maremma e l’arte contemporanea, nel segno della modernità e dell’innovazione. «Tale legame ha origine fin dagli etruschi (con i propri modi di vivere e le loro invenzioni), passando per le storie di continua modernizzazione, come le grandi bonifiche, le fonderie, fino all’arte contemporanea con il “Giardino dei Tarocchi” di Nike de Saint Phalle e l’attività culturale ed espositiva de Il Frantoio e Officine Chigiotti, tutt’ora in corso tra Capalbio e Grosseto», spiega Davide Sarchioni.

Officine Chigiotti è il laboratorio per l’arte che Giuseppe Chigiotti, architetto e docente al Politecnico di Milano, ha aperto nei grandi spazi dell’azienda di famiglia nel centro storico di Grosseto. Dal 2017 produce ed espone opere non convenzionali​ ​di artisti contemporanei d’eccellenza​, con l’idea di reinventare la tradizionale visione del collezionismo e del mecenatismo. Officine Chigiotti offre agli artisti la possibilità di mostrare opere che troverebbero difficoltà a essere esposte a causa delle dimensioni, o dei materiali con cui sono state eseguite.

“Officine Chigiotti”
2 agosto al 30 settembre 2020
“Capalbio Contemporary Art”
Palazzo Collacchioni, Capalbio (GR)

The post Artisti contemporanei al «Castello» di Capalbio appeared first on AD Italia.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.