Los Angeles, l’ingresso della Bridge House. Sulla parete in fondo trittico dell’artista Tasya van Ree. Foto di Brandon Shigeta

Nel posto in cui è nato Dan Brunn, Ovvero Tel Aviv, l’acqua è un bene prezioso. Così quando a Los Angeles ha visto un cottage di fianco a un ruscello, invece di interrarlo ha deciso di costruirci sopra la sua casa, un lungo ponte sospeso di un solo piano che dialogasse, senza fare rumore e senza lasciare impronte, con la natura circostante.

Tutto, nella Bridge House, dai materiali alle finiture, è eco-compatibile con l’obiettivo delle zero emissioni. Grandi vetrate, luce e ventilazione naturale, acqua potabile grazie a un sistema di filtraggio, fotovoltaico. E un’armonia architettonica che ricorda quella della musica.

Da scoprire nel servizio fotografico di Brandon Shigeta con un articolo di Simona Siri , a pagina 124 di AD di marzo, ora in edicola.

Per scaricare la tua copia digitale gratuita di AD (dal 13 marzo fino al 13 giugno), vai sulla App (che trovi su App Store o su Google Play, clicchi su “Free Pass”, registri il tuo account e inserisci il codice AD4YOU.

Segui l’hashtag #AD4YOU

 

The post A Los Angeles un ponte sospeso è la casa green di un architetto appeared first on AD Italia.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.