La tessitura è una delle più antiche pratiche artigianali pugliesi, e salentine in particolare: un’arte un tempo tutta al femminile, che veniva tramandata di madre in figlia dando vita a ricami, pizzi e merletti, ma anche tappeti, tovaglie, asciugamani e corredi finissimi. Con il passare degli anni, ai telai in legno – a mano e a pedali – si sono sostituiti strumenti sempre più all’avanguardia, alla manualità si è affiancata la tecnologia, e dall’abilità nella tessitura e nel ricamo si è sviluppata una fiorente industria tessile. Siamo andati alla scoperta di alcune delle aziende d’eccellenza che, ancora oggi, portano avanti questa tradizione secolare, profondamente impressa nel dna del territorio.

Chicca Orlando




Sfoglia gallery


Nata nel 1950 tra i vicoli medioevali di Casarano, una piccola cittadina pugliese, Chicca Orlando è una realtà imprenditoriale fondata sull’eredità storica dell’arte sartoriale salentina. Nei laboratori dell’azienda – guidata da Annarita, la fondatrice, insieme alle figlie Manuela e Federica  e al marito Donato – le sarte salentine danno vita a pregiate collezioni di arredo tessile che uniscono artigianalità, tecnologie e materiali di pregio. Nelle loro mani lo shantung di seta, il lino, l’organza, il tulle e il velluto, impreziositi da esclusivi ricami, si trasformano grazie a creatività e design. Questi capolavori sono oggi conosciuti e apprezzati in tutto il mondo come simbolo dell’eccellenza made in Puglia.

Cibelle




Sfoglia gallery


Cibelle è una giovane start-up di prodotti tessili per la casa Made in Puglia, che s’ispira alla natura e all’etica della sostenibilità. Il brand nasce dall’esperienza del Gruppo Gemitex, fondato nel 1988 da Raffaele Gemiti e oggi tra i leader nella produzione tessile a livello nazionale e internazionale. Cibelle è l’ultima sfida della famiglia Gemiti: un marchio che celebra il “nuovo lusso” del vivere in modo essenziale. Il nome è ispirato a Cybele, la Dea della natura, e dall’espressione del dialetto pugliese “Ci bell”, utilizzata per celebrare la bellezza delle cose. Il brand si fonda su valori di sostenibilità e inclusività, promuovendo la produzione responsabile e combattendo gli sprechi: i prodotti sono realizzati in Puglia con materiali naturali o riciclati, grazie all’impiego di maestranze locali. L’obiettivo è  creare un circolo virtuoso e ridurre l’impatto ambientale della produzione tessile.

Doma Kalè




Sfoglia gallery


Doma Kalè nasce a Bari nel 1983 dalla passione di due visionari imprenditori che, ispirandosi alla solida tradizione pugliese nell’accoglienza e nell’ospitalità, decidono di creare una linea di prodotti di pregio dedicati al mondo alberghiero e del banqueting. Unendo sapienza sartoriale, qualità, ricerca estetica e  innovazione, Doma Kalè realizza tessuti d’arredo ispirati alle antiche tecniche artigianali del territorio: dai tovagliati alle lenzuola, dalle soffici spugne della linea wellness alle eleganti tende sartoriali. Creazioni realizzate grazie a un team di esperti e giovani talenti, con una grande attenzione al design e alle materie prime.

(Foto cover courtesy Gemitex)

The post Tessile made in Puglia: da antica tradizione a eccellenza mondiale appeared first on AD Italia.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.