Il vero lusso a New York City sono gli “outdoors”, ma a guardare la penthouse del designer Michael Kors nella Grande Mela anche gli interni non scherzano. Lo stilista americano ci accoglie nel suo appartamento affacciato sullo skyline più celebre al mondo. Dalla cucina intonsa, perché, come dice lui stesso: «Il piatto che preferisco cucinare è la prenotazione al ristorante», alla passione per i libri, sparsi in tutta la casa.

Tutto l’appartamento è pieno di oggetti carichi di personalità: dalle piccole “ossessioni” che ricorrono in ogni stanza, come le ciotole di Elsa Peretti, scatole di ogni sorta e dimensione, e fotografie in bianco e nero – meglio se di Annie Leibovitz – di cui il designer ama circondarsi.

I party in terrazza sono un must per Kors, tra calici di rosè e l’immancabile rumore dei cantieri cittadini in sottofondo. Per richiamare le atmosfere anni ’70 da Studio ‘54 il bagno è tappezzato da scatti di Andy Warhol, e appesi alle pareti e incorniciati ci sono vecchi appunti presi a mano da Jackie Kennedy in cui parla del proprio guardaroba. Insomma, una classica powder room newyorkese.

«Amo avere oggetti nella mia casa che mi ricordino posti e persone» spiega Kors. All’interno della sua casa i volti si susseguono sulle pareti, dalle modelle ritratte negli scatti di moda, alle fotografie che immortalano grandi artisti, come Elizabeth Taylor persa in un bacio del suo amore, Richard Burton, o Madonna, vestita Michael Kors. O ancora un dipinto dello stesso stilista commissionato dal marito e realizzato dallo stilista e illustratore di moda Michaele Vollbracht.

 

The post Ricky Martin ci porta alla scoperta della sua casa di Beverly Hills appeared first on AD Italia.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.