Cabinet de Curiosité, Bonaldo. Design: Fabrice Berrux.
Ptolomeo, Opinion Ciatti.
Ptolomeo, Opinion Ciatti.
Ptolomeo, Opinion Ciatti.
Ptolomeo, Opinion Ciatti.
Ptolomeo, Opinion Ciatti.
Ptolomeo, Opinion Ciatti.
My Storage, Magis.
Tide, Magis.
Ptolomeo, Opinion Ciatti.
Elysée, Magis.
Joy, Zanotta.
Planner™, Fritz Hansen.
Planner™, Fritz Hansen.
Jack, B&B Italia.
Joy, Zanotta.
Tyke, Magis.
Tyke, Magis.
Cabinet de Curiosité, Bonaldo. Design: Fabrice Berrux.
Rain, Bonaldo. Design: Gino Carollo.
Tripodio, Bonaldo. Design: Mario Mazzer.
Talea, De Castelli. Foto: Alberto Parise.
Babele, De Castelli. Foto: Alberto Parise.

Oltre ad essere fondamentale nell’arredo in ogni casa, la libreria è anche l’elemento più versatile, che si presta a varie soluzioni e funzioni. Che sia utilizzata per riporre oggetti oppure – ça va sans dire – libri, per dividere gli spazi, in soggiorno o in camera da letto, l’importante è scegliere il pezzo più adatto alle proprie esigenze. Le soluzioni sono tante: legno scuro, da solo o in abbinamento con il metallo, materiali innovativi oppure addirittura cristalli. Dalle proposte più classiche a quelle più audaci, ecco una selezione di librerie che non passano inosservate.

 

Jack, B&B Italia

Dal design di Michel Anastassiades, nasce questa libreria di B&B Italia dal pulitissimo montante verticale da pavimento a soffitto, che la rende adatta a tutti quegli spazi che non possono prevedere l’ancoraggio verticale della libreria. La finitura può essere bianca e nera, a cui si aggiungono per i piani e i contenitori anche noce canaletto e quattro varianti di rovere, ovvero chiaro, grigio, nero e fumigato. Il design finale è una configurazione essenziale, che offre una struttura e una modularità ideali per adattarsi a un’ampia gamma di ambienti.

Planner™, Fritz Hansen

Progettata da Paul McCobb, un pioniere del design democrarico, questa serie di librerie proposte da Fritz Hansen coniugano eleganza e un’estetica tipica dello stile scandinavo. Estramamente versaltile e declinabile in ogni angolo della casa, Planner™ può essere utilizzata sia come sistema a parete, sia come elemento divisorio. Per gli amanti dell’essenzialità.

Joy, Zanotta

Disegnata da Achille Castiglioni nel 1989, Joy di Zanotta è molto più di una libreria. Si tratta infatti un oggetto “neutro” a funzione multipla, la cui originalità risiede nel movimento dei ripiani realizzato con estrema semplicità: più piani orizzontali sono liberi di ruotare attorno a perni verticali realizzati con tubi di acciaio. Joy è un “oggetto d’invenzione” nato dal pensiero di uno tra i più autorevoli maestri del design italiano e sempre attuale.

Tripodio, Bonaldo

Questa libreria proposta da Bonaldo firmata Mario Mazzer è realizzata in legno e metallo, due elementi che in questa originale combinazione esprimono al meglio la loro potenza. Caratterizzata da un design moderno essenziale ma nel contempo originale, questa libreria personalizzerà ogni angolo della casa, che sia in stile classico o contemporaneo.

Babele, De Castelli

Verticalità spiccata per questa libreria di De Castelli nata dal design di Martinelli Venezia Studio. Spogliata di ogni elemento non essenziale, l’asciutta struttura modulare, disponibile in due diverse dimensioni e nelle varianti self standing o a parete, è  ispirata alla leggendaria rappresentazione di Athanasius Kircher della Torre di Babele, e concettualmente legata all’omonima gigantesca “Biblioteca” descritta nel racconto di J.L. Borges.

Tyke, Magis

Tyke di Magis è una libreria modulare che fa parte della collezione The Wild Bunch disegnata da Konstantin Grcic e che comprende anche tavoli, sgabelli e una mensola. La struttura è costituita da montanti in tubo di acciaio verniciato poliestere che si appoggiano leggeri alla parete e sorreggono i ripiani in lamiera d’acciaio, che possono essere di diverse dimensioni e profondità e si possono fissare alla struttura ad altezze diverse, a seconda delle esigenze. Una libreria che permette di gestire in maniera flessibile le dimensioni e gli spazi, adattandosi perfettamente agli ambienti moderni.

Ptolomeo, Opinion Ciatti

Original Ptolomeo di Opinion Ciatti è un contenitore che nasconde la sua forma per privilegiare il proprio contenuto, elimina il “superfluo” per mettere in evidenza l’essenziale, ovvero i libri. Nata da un progetto di Bruno Rainaldi, la libreria si presenta come una semplice colonna in metallo a cui sono unite delle sottili mensole anch’esse in metallo. Esile, slanciata ed essenziale occupa poco spazio e puo’ essere collocata in tutti i contesti da quelli più tradizionali a quelli più contemporanei.

Trabea Bookshelf, Pietro Russo Design

Libreria Trabea Muro di Pietro Russo Design.

Leggera, fresca e funzionale è la libreria Trabea a muro (c’è anche la versione freestanding) in legno massello d’acero di Pietro Russo Design. Gli elementi strutturali che sostengono le mensole sono decorati con anilina verde e nera. I dettagli sono in ottone, ed  è customizzabile su richiesta.

The post Libreria di design: meglio classica o contemporanea? appeared first on AD Italia.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.