7 Marzo 2020 Regalino De vincentiis

L’emergenza del Coronavirus sta sollevando molte reazioni in ogni parte del mondo e da diversi personaggi pubblici. E se c’è qualcuno come l’allenatore della squadra di calcio inglese del Liverpool, Jurgen Klopp che ritiene che a parlare debbano essere solo gli esperti («Non tollero che su un argomento così serio si chieda a me»), ci sono altri che invece esprimono pareri che sollevano polemiche come è successo all‘artista cinese Ai Weiwei.

Sul suo profilo Instagram infatti ha pubblicato quella che probabilmente voleva essere una battuta, ma si è invece trasformata in un’uscita infelice che ha scatenato molti commenti negativi. La frase incriminata è «Il Coronavirus è come la pasta. I cinesi l’hanno inventano, ma sono stati gli italiani a diffonderlo nel mondo».

Il post pubblicato il 5 marzo non è stato rimosso dall’artista, nonostante le richieste e le reazioni. Provocazione o scivolone?

 

Foto Christoph Soeder/picture alliance via Getty Images

L’articolo Ai Weiwei e la battuta sugli italiani e il Coronavirus sembra essere il primo su Living.