Louis Vuitton
Eberhard & Co.
Roger Dubuis
Fendi Timepieces
Chopard
Vacheron Constantin
Longines
Meccaniche Veloci
Hublot
Richard Mille

Nel 1943 Audemars Piguet lanciò il cronografo da polso 1533: un orologio decisamente innovativo per l’epoca, con la cassa in oro rosa e acciaio impreziosita da un quadrante color champagne. Oggi, per la prima volta, la Manifattura di Alta Orologeria svizzera ripercorre il suo glorioso passato: è nato così il Cronografo Automatico [Re]master01, un’edizione limitata a 500 esemplari in cui il design dal sapore vintage  si sposa con la tecnologia più avanzata.

I cronografi da polso vintage di Audermars Piguet sono tra gli orologi più rari che esistano oggi al mondo. Questa funzione sportiva cominciò ad apparire sugli orologi da polso della casa orologiera negli anni ’30, in un’epoca in cui la misura della performance era diventata parte integrante della società. Tra gli anni ’30 e la fine degli anni ’50 ne furono prodotti solo 307 esemplari.

«Erano numerosi gli orologi della nostra collezione Heritage dai quali saremmo potuti partire per il nostro progetto di reinterpretazione del passato – spiega Michael Friedman, Responsabile Complicazioni di Audemars Piguet -. Ma il team ha deciso all’unanimità per questo cronografo da polso, per la sua estetica così particolare e la connessione emotiva che tutti abbiamo provato verso questo eco del passato». 

Fedelissimo al pre-modello 1533 del 1943, [Re]master01 unisce il design della metà del XX secolo alla tecnologia orologiera contemporanea. Presenta infatti una cassa tonda e anse in acciaio, messe in risalto da una lunetta e pulsanti smussati in oro rosa 18 carati. Inoltre, ha mantenuto una funzione molto particolare e ingegnosa: l’indicazione dei 4/5 dell’orologio originale sopra l’indicatore dei 15 minuti all’interno del contatore dei 30 minuti a ore 9, per permettere di registrare fino a 45 minuti. Una funzione che fu richiesta da un membro di una delle due famiglie fondatrici di terza generazione, Jacques-Louis Audemars (1910 – 2003), per assecondare la sua passione per il calcio e indicare la prima frazione di gioco del suo sport preferito. Analogamente all’orologio del 1943, [Re]master01 presenta sul quadrante la firma “Audemars Piguet & Co Genève”, frequente negli orologi Audemars Piguet nei primi anni del XX secolo. 

Sebbene il design del quadrante abbia mantenuto le caratteristiche classiche del segnatempo originale e i numeri ispirati all’Art Deco, il diametro più ampio dell’orologio di 40 mm garantisce una migliore leggibilità adatta a un uso contemporaneo. I contatori dei secondi sono anch’essi stati rivisti per essere più leggibili. A differenza dell’orologio del 1943, presenta inoltre un fondello in vetro zaffiro antiriflesso che rivela la bellezza del meccanismo del cronografo

Il cinturino in pelle di vitello cucito a mano color marrone chiaro aggiunge un tocco di eleganza. L’orologio prevede inoltre un cinturino in alligatore marrone scuro supplementare.

Potrebbe interessarti anche

The post Orologi da uomo: tra meccanica e design appeared first on AD Italia.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.