Miniartextil
Miniartextil
Miniartextil
Miniartextil
Miniartextil
Miniartextil

Difficile definire Alessandro Mendini: architetto, designer, giornalista, pittore, grafico, regista, scenografo; impresa ardua raccontare il percorso di un uomo che è riuscito per cinquant’anni a stupire con i suoi progetti. Ci prova la mostra Alessandro Mendini: piccole fantasie quotidiane curata da Gianluca Riccio e Arianna Rosica con la collaborazione di Atelier Mendini, indagando la sua storia, ironica e dissacrante, l’intelligenza fantasiosa, oltre al legame che la sua poetica ha creato tra la cultura artistica d’avanguardia e Napoli. Dove le fermate della metropolitana Materdei e Salvator Rosa portano la sua firma.

«Ogni oggetto è frutto di contingenze, di utopie, di scommesse progettuali, di strani umori»

Ispirato a Kandiskij
Patchwork
L’arazzo Kandissone, in cotone lucido e opaco con applicazioni, usato come tovaglia nella mostra Tavole Futuriste di Piero Fornasetti (1979).

L’interno di un interno
A matita e a pennarello
Fa parte della collezione della Triennale di Milano il disegno che Mendini realizzò per una stanza del negozio Dilmos di Milano nel 1991.

The post Miniartextil, i capolavori della Fiber Art in mostra a Como appeared first on AD Italia.

close

Non perderti le nostre news!

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.